TG3

Shukran del 03/05/2010

  • Andato in onda:03-05-2010
  • Visualizzazioni:

Comandi da tastiera per il lettore multimediale

  • [Shift + P] Play / Pausa
  • [Shift + S] Stop
  • [Shift + F] Fullscreen
  • [Shift + C] Sottotitoli (se presenti)
  • [Shift + M] Mute
  • [Shift + Freccia Su] Alza il volume
  • [Shift + Freccia Giù] Abbassa il volume
  • [Shift + Freccia Destra] Avanti veloce
  • [Shift + Freccia Sinistra] Indietro veloce

"Quando sono partito dal Ghana avevo 17 anni. Sono andato in Mali, poi in Libia, attraversando il deserto. E nel deserto ho visto cose terribili. Per denaro i predoni hanno ucciso un mio amico, lo hanno ucciso davanti ai miei occhi. Aveva ingoiato i soldi per non farseli rubare, ma gli hanno aperto la pancia col coltello, hanno preso i soldi, l'equivalente di 80 euro, hanno rubato l'auto che ci doveva portare in Libia,e sono andati via ridendo. Lasciandoci senza acqua. Ammazzano così tanta gente per i soldi". Questo il drammatico racconto di Ismail, ghanese, proposto oggi da SHUKRAN del TG3 e raccolto in un centro per rifugiati e richiedenti asilo di Agrigento. "Sono rimasto tre mesi nel deserto, bevendo la mia urina - racconta Ismail - E'così che si sopravvive, senza cibo, senza niente. Poi il carcere in Libia, quindi il lavoro per procurarsi un passaggio in barca, la traversata, l'Italia. E ora ancora aspetto che mi si riconosca lo stato di rifugiato. E ho una moglie e un figlio, e sono senza lavoro".

Sito

Vuoi rivedere o riascoltare un altro programma?

Commenti

Riduci
Navigazione alternativa dei video correlati