26/01/2021
07/10/2012

Vendola contro Renzi: “Rottamare il rottamatore”

ROMA - Rosy Bindi non esita a definire il sindaco di Firenze un interprete del messaggio berlusconiano e grillesco. Lui risponde: “Non cedo alle provocazioni, rispondo con un sorriso”

vendola“In Renzi c'é una marcata adesione a modelli culturali che io penso debbano essere rottamati”, dichiara Nichi Vendola. Per il leader di Sel bisogna infatti “rottamare la subalternità culturale di certa sinistra al modello liberista che sta scorticando l'Europa”. Dal suo tour in Puglia, il sindaco di Firenze risponde soltanto di esser sicuro di aver fatto cose di sinistra.

“Adesso il confronto è sulle idee”. Poi su Facebook precisa:”Vedo che dopo la serenità di ieri qualche candidato alle primarie immagina di alimentare la polemica attaccando gli altri. In modo gratuito peraltro. Va bene così. Ognuno risponde per se stesso. Io non parlo male degli altri, noi vogliamo parlare bene dell'Italia. Per cui invito tutti i miei amici a non cadere nelle provocazioni. Siamo pronti a confrontarci sulle idee ovunque. Ma agli attacchi gratuiti rispondiamo con l'arma più bella, il sorriso".

I duellanti continuano a tirar stoccate. Vendola dice anche di non avere “spin doctor” che gli suggeriscono che cosa dire. “Mi confronto con i volontari che sostengono la mia campagna, poi per il resto me la cavo da solo”. Anche Rosy Bindi non esita a definire Renzi un interprete del messaggio berlusconiano e grillesco e continua a non essere d'accordo anche sulle regole per partecipare al doppio turno. A suo giudizio si potrà votare al ballottaggio soltanto se ci si è iscritti al primo turno, anche se alcune eccezioni saranno previste.

Vero - dunque - che ieri la rottura è stata evitata, vero anche però che lo scontro sul doppio turno è soltanto rimandato: Ora bisognerà  trovare un accordo al tavolo degli alleati. Che sono: Bersani per il Pd, Vendola per Sel e Nencini per il Psi. Tecnicismi oltre i quali entrambi i avversari - Renzi e Bersani - vogliono andare. Sanno che la sfida più impegnativa è un'altra: quella per il governo del paese. Ma intanto continuano a mandarsi frecciate che rendono chiara una cosa prima di tutto: la campagna elettorale ormai è entrata nel vivo.