25/01/2021
02/12/2009

Fini: "Democrazia
è confronto"

Il presidente della Camera torna sullo scontro con Berlusconi, ricordando Nilde Iotti. Il presidente della Camera critica Berlusconi: "Confonde la leadership e la monarchia"

No alla fiducia sul 'nuovo' maxi emendamento e non su un testo della commissione. Lo ha detto Fini riferendosi alla legge finanziaria, nel corso del suo intervento a Montecitorio. "Non  credo che si debba partire con le scorciatoie dei regolamenti parlamentari che sono l'ultimo anello della catena" ha aggiunto sottolineando che sulle riforme "è arrivato il momento di equilibrare i rapporti tra esecutivo e il legislativo".
 
La terza carica dello Stato afferma che occorre non solo "affrontare il problema della forma dello  Stato ma anche della forma di governo". Fini sottolinea che "il Presidente della Camera sarebbe in grossa difficoltà se la fiducia non fosse posta su un testo che esce dalla commissione ma su un maxi emendamento del Governo", per il quale "una democrazia è governante e rappresentativa quando ad un capo dell'esecutivo forte si contrappone un parlamento forte".
 
Al contrario, "mortificare l'uno o l'altro significa non capire il problema". Fini è tornato anche ad affrontare il tema delle riforme e dell'assetto istituzionale. "E' arrivato il momento di equilibrare i rapporti tra esecutivo e il legislativo e quindi è arrivato il momento, nell'ambito di quelle riforme che più sono condivise e più sono utili, non solo di affrontare il problema della forma dello stato ma anche della forma di governo".