25/01/2021
11/01/2012

Monti vola
dalla Merkel

Gli italiani si stanno sacrificando, adesso aspetto dall'Europa segnali importanti. E' questo, in sintesi, ciò che il premier italiano si appresta a dire alla cancelliera tedesca, nell'incontro di oggi a Berlino

Gli italiani si stanno sacrificando, adesso aspetto dall'Europa segnali importanti. E' questo, in sintesi, ciò che il premier italiano Monti si appresta a dire ad Angela Merkel, nell'incontro di oggi a Berlino. Il numero uno di palazzo Chigi cercherà di sollecitare la cancelliera tedesca a fare la sua parte per il bene dell'Euro. Come ad esempio dare maggiore risorse al fondo salva Stati, firmando il ‘fiscal pact’, lanciato dal presidente della Bce Mario Draghi, che porterebbe Efsf a 500 miliardi di euro.

Ma convincere la Merkel non sarà una passeggiata, anzi. Il tempo stringe, visto che Germania e Francia vogliono chiudere entro il vertice di fine gennaio per ratificare l'intesa l'1 marzo. Un'accelerazione che vede l'Italia contraria, ma che potrebbe presentare qualche problema per introdurre le modifiche in tempo. A suo favore Monti ha il lavoro intrapreso dal governo a marce forzate sul fronte del risanamento, misure e obiettivi che ora il professore vuole ribadire e spiegare nel dettaglio alla sua controparte, come il pareggio di bilancio e l'avanzo primario, oltre alle misure sulle pensioni.

“Provvedimenti duri e pesanti”, come ha ribadito lo stesso capo del governo, che spiega: "con la mia politica non posso avere successo, se l'Unione europea non cambia, e se ciò non si verifica il mio Paese, che è stato sempre un paese molto favorevole all'Europa, potrebbe gettarsi nelle braccia dei populisti". Chissà se la Merkel riceverà il messaggio.