22/09/2020
21/03/2013

M5S: "Chiediamo l'incarico di governo". Berlusconi: "Serve governo di responsabilità"

ROMA - Terminate le consultazioni tra Napolitano e ile delegazioni di Movimento 5 Stelle e Centrodestra. Ora l'attesa e l'attenzione si spostano alle 18 quando al Colle salirà il Partito Democratico guidato da Pierluigi Bersani. Domani la decisione del Capo dello Stato

Alle 10.35 è terminato l’incontro tra il presidente Napolitano e la delegazione cap del Movimento 5 Stelle composta da i capigruppo di Senato e Camera Vito Crimi e Roberta Lombardi e dal leader Beppe Grillo. 

I due parlamentari hanno letto un comunicato: “Il Movimento 5 stelle è stata la prima forza politica alle ultime elezioni per numero di voti. Chiediamo perciò l'incarico di governo per realizzare il nostro programma'', ha detto la Lombardi. Bocche cucite sul nome che hanno proposto per la presidenza del Consiglio a 5 Stelle. ''Finora non c'è stata data nessuna rappresentanza istituzionale – ha proseguito Lombardi - né la presidenza del Senato né della Camera, che sono state oggetto di mercanteggiamento tra i partiti. Non è stata riconosciuta la volontà popolare''.


Il suo omologo al Senato, Vito Crimi, ha ricordato i venti punti programmatici con i quali il Movimento si è presentato agli elettori e che indicherà come programma di governo:

1) Reddito di cittadinanza;2) Misure immediate per il rilancio della piccola e media impresa;3) Legge anticorruzione;4) Informatizzazione e semplificazione dello Stato;5) Abolizione dei contributi pubblici ai partiti;6) Istituzione di un 'politometro' per verificare arricchimenti illeciti dei politici negli ultimi 20 anni;7) Referendum propositivo e senza quorum;8) Referendum sulla permanenza nell'euro;9) Obbligo di discussione di ogni legge di iniziativa popolare in Parlamento con voto palese;10) Una sola rete televisiva pubblica, senza pubblicità, indipendente dai partiti;11) Elezione diretta dei parlamentari alla Camera e al Senato;12) Massimo di due mandati elettivi;13) Legge sul conflitto di interessi;14) Ripristino dei fondi tagliati alla Sanità e alla Scuola pubblica;15) Abolizione dei finanziamenti diretti e indiretti ai giornali;16) Accesso gratuito alla Rete per cittadinanza;17) Abolizione dell'IMU sulla prima casa;18) Non pignorabilità della prima casa;19) Eliminazione delle Province;20) Abolizione di Equitalia. 

"Nel caso il Presidente ci accordasse l'incarico pieno, indicheremoil nostro premier - ha spiegato poi Lombardi - Abbiamo indicato un progetto per il Paese”. Nel caso in cui Napolitano decidesse di non conferire loro l'incarico il Movimento 5 Stelle chiede le presidenze della Commissione di Vigilanza Rai e quella del Copasir.

“Sulle due forze politiche che hanno vinto le elezioni grava la responsabilità di dare un governo al Paese”. Parola di Silvio Berlusconi, che a Napolitano chiede un governo di responsabilità per le due forze politiche che sono uscite vincenti dalle elezioni. Fuori il Movimento 5 Stelle che, secondo il Cavaliere, si è di fatto autoescluso da qualunque possibilità di formare un governo diverso da quello a 5 Stelle, appunto. Il cavaliere però lancia una stoccata al Pd, perché spiega "non è accettabile che ci sia una sola forza che prenda tutto. Siamo in una situazione di crisi profonda e servono interventi immediati sull'economia. Ieri attraverso Antonio Tajani abbiamo preparato un piano per le imprese e questo è già un punto importante. C'è un'esigenza assoluta di responsabilità”, conclude l'ex premier.