23/04/2014
27/08/2010

Tripolitania
e Cirenaica

E' arrivato Gheddafi. Ogni volta che si muove è uno spettacolo. Tra il Colonnello e il Cavaliere c’è feeling e poiché entrambi stanno stretti dentro le regole del cerimoniale non ci sarà il rischio di annoiarsi. E allora mettiamoci in un angolo e guardiamo

Comme si bello a cavallo a stu cammello.
C’è da credere che il Miliardario Cavaliere Presidente prenderà in prestito gli strumenti dell’amico musicista Apicella e saluterà così l’ospite cammellato, il Petromiliardario Guida Suprema e Incontrastata della Grande Giamairya Araba Libica Popolare Socialista il Colonnello Muhammar el Gheddafi.
Un po’ invidioso per tutti quei titoli, un po’ invidioso per come il colonnello sistema rivali e oppositori, un po’ invidioso per la superscorta fatta solo da bellissime guerriere invece di quegli omaccioni tutti più alti di lui, il Cavaliere Presidente dopo un po’ di complimenti, qualche gaffe e qualche scambio di regali potrà finalmente parlare di politica, di economia, di affari.
Contratti multimiliardari, partecipazioni bancarie, megaprogetti edilizi ed industriali si intrecceranno con politiche dell’immigrazione, controllo delle frontiere, rivendicazioni storiche, risarcimenti bellici.
Sotto la megatenda che il Colonnello si porta sempre dietro e sopra i megatappeti che lo seguono ovunque il leader del deserto potrà sfoderare i suoi multicolori barracani sempre sorprendenti e forse farà dimenticare al Cavaliere almeno per qualche ora i tanti problemi italici.
Certo sarebbe interessante se nella italica delegazione trovasse posto anche il Padano in canotta, grande amico del Silvio, almeno così lui dice, ma gran nemico di quel meridionale del Muhammar per via di certe quote azionarie in banche varie del nord.
E sarebbe anche interessante assistere all’incontro con la terza carica dello stato, quel Presidente della Camera dei deputati che nell’ultima visita del Colonnello a Roma, stanco di aspettarne l’arrivo, dopo ore di attesa chiuse Montecitorio e annullò l’appuntamento.
Di sicuro nei giorni della visita ci sarà a Roma una corsia preferenziale per i cammelli.

 

 

>> guarda la gallery delle vignette

 

L’angolo acuto
© Riproduzione riservata (30Agosto 2010)