14/12/2018
04/12/2018

Salute mentale. Epidemia tra i giovani

Rapporto Ocse. I disturbi mentali costano il 3,3% di Pil pari a 55 miliardi di euro





Ansia, depressione, disturbi bipolari, schizofrenia. Problemi di salute mentale che hanno un costo molto alto per il nostro Paese, pari al 3,3 % del Pil per un equivalente di quasi 55 miliardi di euro.

Sono alcuni dei dati contenuti nel rapporto 'Health at a Glance: Europe 2018' dell'Ocse, il report annuale sulla qualità delle cure nei Paesi dell’Ue.

Un terzo dei costi totali, circa 18 miliardi di euro, sono indiretti, cioè legati alla riduzione dell'occupazione per le persone con problemi di salute mentale, mentre 20.221 euro (1,22 per cento del Pil) sono invece i costi legati all'assistenza sanitaria, di cui 15.787 euro fanno riferimento ai programmi sociali.

La prevalenza dei disturbi mentali nel nostro paese è stimata al 16,9%, meno di Paesi come Francia, Spagna e Germania, ma superiore a Danimarca e Svizzera.
I decessi direttamente legati a questo problema sono circa 84 milioni e la maggior parte sono suicidi.

I giovani non ne sono immuni: nel 2015 circa 3.400 persone di età compresa tra 15 e 24 anni si sono uccise, rendendo il suicidio la principale causa di morte in questo gruppo di eta' dopo gli incidenti stradali.
Dai dati emerge inoltre che ben 800 mila ragazzi, tra i 12 e i 25 anni, sono scontenti della propria vita, malati di depressione e ansia. Uno su dieci.
Una vera e propria epidemia che non si può ignorare, anche perché la metà delle malattie mentali degli adulti inizia a 14 anni e spesso il problema non viene riconosciuto, né curato oppure è drammaticamente sottovalutato.

Il disturbo d'ansia e' il disturbo mentale più comune in generale con circa 25 milioni di persone (pari al 5,4 per cento della popolazione) che ne soffre. Tra i ragazzi invece è la depressione, a cui si aggiunge il dilagante abuso di alcol e droghe.
Il 10% di loro si dichiara globalmente insoddisfatto della propria vita, delle relazioni con amici e familiari. È a loro soprattutto che bisogna prestare attenzione, facilitando il riconoscimento di quei fattori che possono favorire l’insorgenza di patologie psichiche.

Altri dati. I disturbi depressivi colpiscono oltre 21 milioni di persone; l'abuso di droghe e alcol 11 milioni; malattie più gravi come i disturbi bipolari, colpiscono quasi 5 milioni di persone, mentre la schizofrenia riguarda 1,5 milioni di persone.

“Vivere con un problema mentale, si legge nel report, significa che gli individui hanno meno successo a scuola e al lavoro, hanno maggiori probabilità di essere disoccupati e possono avere una salute fisica peggiore".
In alcuni casi le malattie mentali portano a una mortalità prematura.
Si stima che nel 2015 siano morte oltre 84 mila persone per problemi mentali e suicidi in tutti i Paesi dell'Unione Europea. Il totale dei costi nella Ue per queste patologie e' superiore al 4% del Pil, cioè ad oltre 600 miliardi di euro.