31/07/2014
16/07/2010

La grande
spallata

Gianfranco Fini chiede che gli indagati lascino il partito. Sembra prepararsi lo scontro finale con il Cavaliere. Come andrà a finire? Cominciamo con il vedere cosa c’è oltre l’angolo

Il Subacqueo ribelle ha scatenato l’offensiva.
Fallito il tentativo di prosciugargli l’ambiente è salito a terra, ha mandato in avanscoperta i suoi lanciando qualche Granata e poi ha fatto partire il colpo. Fuori gli indagati dal partito.
Ohibò, deve aver pensato il Cavaliere Presidente spegnendo il suo proverbiale sorriso da 64 denti. Si sono succedute riunioni ristrette, e non solo di quel partito, dove gli Eletti hanno esaminato le liste e lo sconcerto ha prevalso.
Se si tolgono gli indagati, chi rimane?
Sta a vedere che bisognerà tornare a fare politica per l’ideale, per spirito di servizio al paese come si diceva una volta e non per mettere il paese al proprio servizio come insegnavano i teorici del fare.
La faccenda rischia di diventare gravissima. Il Gran Padano sembra indifferente alla cosa. Lui, l’uomo dalla canotta, ama poco il pesce, al massimo qualche trota e se proprio deve fare il bagno se lo fa nel Po.
Se il Gran Padano non chiama a raduno le folle delle vallate c’è il rischio che il seguaci del Subacqueo ribelle facciano proseliti vanificando un ventennio di televendite e di masse velinizzate.
Che fare? Una soluzione ci sarebbe. Il Capo ha fatto un sogno e ha visto il predellino ormai superato. Lui prendeva una bella scala, la fa sostenere dai fedelissimi Verdini, Dell’Utri, Cosentino, ci sale sopra e annuncia che si ricomincia da capo. Un gran discorso: la politica è marcia, serve una nuova moralità, qui si eleggono personaggi equivoci, occorre azzerare tutto, da ora in avanti ghe pensi mi, niente elezioni, nomino tutti io, risponderanno tutti a me.
L’opposizione si adegua. Era ora, niente più discussioni e polemiche, minoranze che criticano la linea. Conviene a tutti.
Poi il risveglio. Si accende la tivvù e a bucare lo schermo compaiono il Subacqueo ribelle vicino al Gran Padano e al Ragionier taglio tutto.
Un gesto di rabbia e il telecomando vola fuori dalla finestra.
Comincia un altro giorno.

 

 

>> guarda la vignetta

 

L’angolo acuto
© Riproduzione riservata (27 Luglio 2010)