22/12/2014
05/01/2011

Bossi "federalismo
subito"

Alla cena degli ossi il “Senatur” rasserena con le sue parole il Cavaliere: “La garanzia è Berlusconi. Il capo del governo non dice mai balle”. Poi questa mattina rilancia "federalismo subito"

La cena degli “ossi” è stata consumata e il convitato di pietra, Silvio Berlusconi, può tirare un sospiro di sollievo…almeno per il momento.
Ieri sera a Calalzo di Cadore i vertici della Lega Nord si sono riuniti a cena come da tradizione fanno due volte l’anno. Ad attendere Umberto Bossi, arrivato con due ore di ritardo, c’erano i ministri Tremonti, Calderoli e Castelli.
Ed è proprio il “Senatur” a rasserenare con le sue parole il Cavaliere: “La garanzia è Berlusconi. Il capo del governo non dice mai balle”. Bossi si riferisce alle dichiarazioni di Berlusconi il quale sostiene che sono in arrivo almeno 10 parlamentari a sostegno della maggioranza. Dieci voti in più che, secondo il Cavaliere, permetterebbero di portare avanti in sicurezza la legislatura.
Ad allietare e mettere il sigillo sulla serata ci pensa lo stesso Berlusconi con una telefonata di auguri a tutti i commensali. Telefonata immediatamente riportata ai giornalisti, in attesa all’esterno del locale, da Tremonti e Calderoli.

Insomma tutto bene, o quasi. Sull’allargamento ai centristi di Casini infatti ancora no ci siamo. E’ lo stesso Bossi a ritenere che un’apertura all’Udc “non è possibile perché sarebbe una continuazione della palude romana”.


Poi passata la nottata, e digerita la cena, il leader della Lega rilancia sul federalismo che dovrà tassativamente passare tra il 17 e il 23 gennaio. "In quel periodo c'e' il problema che il federalismo deve passare l'ultimo decreto attuativo nella commissione bicamerale, quindi se non passa quella cosa li', non possiamo portare il federalismo in Consiglio dei Ministri. Io sono convinto che passi''. Altrimenti...