03/09/2014
29/04/2012

“Torna dopo”. Clochard ferisce 2 persone

ROMA – L’aggressione alla mensa dei poveri a S. Maria in Trastevere. Due accoltellati in gravi condizioni, uno per un fendente vicino al cuore. S. Egidio. “In aumento le richieste di pasti”

immigratoEra arrivato tardi al pranzo domenicale per i poveri, organizzato dal parroco di Santa Maria in Trastevere a Roma. Non gli piaceva l'angolino che gli avevano dato e poi il cibo era poco e lui aveva tanta fame. Era agitato e intrattabile. A quel punto un volontario lo ha allontanato. Ma l'uomo, un marocchino di 34 anni, con un coltello ha ferito altri due compagni di sventura, un italiano di 41 anni e un romeno di 21, intervenuti a sostegno del volontario.

L'italiano ha riportato ferite lievi mentre il romeno, colpito all'altezza del polmone, è in prognosi riservata. Il marocchino, che avrebbe un disagio mentale, è stato arrestato per tentato omicidio plurimo. “L’uomo aveva già mangiato, voleva rimanere e gli è stato detto di aspettare e tornare dopo”, spiega il portavoce della Comunità di S. Egidio Mario Marazziti. Forse non era abituato al sovraffollamento delle mense che, anche a causa della crisi, a Roma devono ormai fare fronte ad una richiesta che si è più che raddoppiata.

Uno degli indicatori più attendibili che fotografa la dura realtà nella Capitale è il numero dei pasti che vengono forniti dalle mense per i poveri. Fino ad alcune settimane fa al pranzo domenicale organizzato dal parroco di Santa Maria si presentavano circa 20-25 persone, “in pochissime settimane sono diventati – spiega Marazziti- tra i 100 ed 120. Gli immigrati rimangono sempre i più numerosi ma ci sono moltissimi italiani. C’è un disagio in crescita nella città e gli spazi di solidarietà impedisconoche diventi disperazione ed esplodano i drammi individuali”.