17/07/2019
09/07/2019

La prima macchina non si scorda mai. In arrivo la prima auto solare

Un’indagine fotografa il rapporto tra gli italiani e la loro prima auto. Una passione che dura poco




Chi di voi non ricorda la prima auto acquistata? Bella o brutta non si scorda mai almeno secondo una ricerca condotta da mUp Research e Norstat per Facile.it su un campione di italiani compresi tra i 18 e i 74 anni.


L’auto più amata, la prima, regalata o no, arriva intorno ai 22 anni di età e nel 65,8% dei casi è usata. Sono quasi sempre i genitori a comprarla per i figli, almeno nel 41,7% dei casi, anche se c’è una buona percentuale di persone, il 33%, che usa i propri risparmi, chiedendo nel 7,9% dei casi un prestito. Molti anche quelli che ereditano l’auto di un parente che ormai non la usa più, un campione valutato intorno al 13,8%.

E il primo giro in macchina chi se lo ricorda? Il 31,7% degli intervistati ha dichiarato di averla usata per andare a scuola o al lavoro e il 28,5% ha come primo ricordo quello di averla mostrata con orgoglio a parenti e amici. Dato che schizza fino al 35% se riferito agli uomini.

Solo un italiano su 6 invece ha dichiarato di averla mostrata subito alla fidanzata. Gli uomini la cambiano dopo 6 anni, le donne dopo 7 anni e mezzo. Nulla è destinato a durare per sempre, tanto meno un’auto.

E sempre a proposito di motori ecco in arrivo la prima automobile alimentata con l’energia solare. Si chiama “One” ed è stata messa a punto dalla start-up olandese Lightyear. Sulla sua carrozzeria sono presenti 5 metri quadrati di pannelli solari, che nelle belle giornate forniscono 12 km di autonomia all’ora. Il modello di serie arriverà sul mercato dal 2021.

L’asso nella manica della One è l’autonomia: 725 km stimati secondo il ciclo di omologazione Wltp e sfruttando una batteria “relativamente piccola”. L’abbondante autonomia ha già convinto 100 acquirenti a prenotare on line un esemplare della “Pioneer Edition”, la primissima serie delle One prodotte anche se il prezzo del veicolo è davvero proibitivo:circa 150 mila euro in Olanda. Ma si potrà scegliere anche un’opzione leasing da 1.879 euro al mese.

Essendo il sole una fonte energetica rinnovabile soggetta alla stagionalità, Lightyear assicura almeno 400 km di autonomia invernale.

Lightyear è stata fondata nel 2016 dagli ex alunni del Solar Team Eindhoven, che hanno vinto il Bridgestone World Solar Challenge nel 2013, 2015 e 2017. La start-up ha ricevuto numerosi premi, sovvenzioni e supporto da parte di investitori importanti, per una cifra complessiva di 20 milioni di euro.

“Questo ci ha permesso di sviluppare un prototipo funzionante per la prima auto solare a lunga distanza in soli due anni. Con Lightyear One, ha detto l’amministratore delegato Lex Hoefsloot, vogliamo dimostrare che la nostra tecnologia ci ha permesso di costruire una delle auto più sostenibili sul mercato”.

La One (che è lunga circa 5 metri) può essere ricaricata anche tramite una presa di corrente domestica a 230V.