16/07/2018
11/07/2018

Si torna a giocare per strada. Via i divieti in tante città

Roma, Genova e Torino le prime città a crederci. Sempre più Comuni favorevoli al “gioco libero”




Vita  difficile in città, soprattutto d’estate,  per i bambini italiani.  I divieti di giocare sono ormai ovunque. Piazze, parchi, cortili dei condomini. Niente pallone, bicicletta, gioco delle bocce, pattinare e anche saltare la corda. E così, per paura di chiasso e  troppo rumore, la stragrande maggioranza dei Comuni applica regole severe a scapito dei più piccoli.


Ma c’è chi non ci sta e da poco grandi città come Roma, Milano, Genova e Torino hanno cambiato i regolamenti per permettere ai bambini di giocare all’aperto. A ruota si stanno adeguando altri Comuni più piccoli favorendo il gioco libero e incentivandolo addirittura con cartelli esposti in strade e piazze.

Succede a Roccavignale, in provincia di Savona, a Cazzago vicino a Varese e anche in Puglia a Rignano Garganico, a Tagliacozzo in Abruzzo o a Monterosso Almo vicino a Ragusa. Piccole isole  a misura di bambino si stanno allargando sempre più, anche se in molti posti rimangono divieti storici difficili da scardinare.

A Palermo c’è il divieto di qualunque gioco sul suolo pubblico oltre a quelli di fare le serenate o pettinarsi per strada. A Terni è proibito giocare con fionda e trottola. A Venezia si può giocare all’aperto, ma solo in determinati orari e solo se si ha meno di 12 anni. A Ponzano Veneto un Regolamento redatto nel 1932 vieta di tirare palle di neve, mentre ad Amalfi non si può andare sui trampoli.

E anche se città e paesini stanno cercando di riabilitare il gioco in piazza, in realtà la maggior parte dei bambini oggi preferisce restare a casa  con tv e play station. Succede a Genova dove dal 2013 le amministrazioni hanno levato tutti i divieti. Ebbene pochi i ragazzi che ne hanno approfittato lasciando piazze e cortili inesorabilmente vuoti.