23/04/2014
25/04/2012

Draghi: “E’ il momento della crescita”

BRUXELLES - Il presidente della Bce definisce “ambigui” gli ultimi dati macroeconomici dell'area euro. Vola la Borsa. Spread a 393 punti

drSi al rigore nei conti pubblici, ma è anche urgente rilanciare la crescita. Così il presidente della Bce, Mario Draghi, ammonisce i governi dell'Eurozona a evitare di ridurre gli investimenti, tagliando piuttosto la spesa pubblica improduttiva. “Il consolidamento dei bilanci basato esclusivamente sull'aumento delle tasse - dice Draghi al parlamento europeo - è sicuramente recessivo. Idealmente dovrebbe essere fatto sulla base di una riduzione delle spese correnti, in particolare di quelle più improduttive, e non sulla riduzione della spesa per investimenti”.

I dati macroeconomici più recenti sono “ambigui” e segnalano “incertezza” per le prospettive economiche dell'area euro, evidenzia Draghi. Ma la situazione finanziaria dei mercati è notevolmente migliorata nei primi 3 mesi dell'anno e l'Europa si trova oggi “a metà del guado”. “Anche con un ‘firewall’ più grande, i Paesi dell'Eurozona devono continuare a operare correzioni di bilancio strutturale”. Stimolate dall’analisi di Eurotower volano le borse europee. Occhi puntati sulla riunione del Fomc della Fed che dovrebbe lasciare i tassi fermi tra lo 0 e lo 0,25%. Milano si conferma maglia rosa in Europa con un progresso del 3,74% seguita da Madrid che avanza del 2,26%. Londra guadagna lo 0,25%, Parigi avanza del 2,21%% e Francoforte sale dell'1,61%. Spread tra Btp decennali e Bund stabile a 393 punti.
 

Clicky