25/11/2014
09/06/2011

Bocconi
amari

Forse nella speranza che il vecchio detto ‘la notte porta consiglio’ possa essere confermato nei fatti, la maggioranza concentra il suo dibattito interno facendo le ore piccole tra una cena e l’altra

Forse nella speranza che il vecchio detto ‘la notte porta consiglio’ possa essere confermato nei fatti, la maggioranza concentra il suo dibattito interno facendo le ore piccole tra una cena e l’altra.
 
Ieri sera è stato il turno del leader della Lega Umberto Bossi che ha condiviso il desco con il ministro dell’Economia Giulio Tremonti. Lo rivela un video pubblicato sul sito de “La Repubblica” che mostra i due ministri, seduti a un Caffè di Piazza Navona a Roma, impegnati in una fitta conversazione. Insieme a loro anche il capogruppo della Lega al Senato, Federico Bricolo, e il viceministro alle Infrastrutture Roberto Castelli. Non si sa ovviamente di cosa stessero parlando ma senza dubbio tra gli argomenti anche la doppia bocciatura subita ieri dal governo a Palazzo Madama sull’emendamento al Ddl anticorruzione.

Qualunque cosa si siano detti registriamo il fatto che questa mattina il governo ha deciso di ritirare l’emendamento ‘incriminato’ su suggerimento di Gaetano Quagliariello, decisione condivisa anche dal presidente del Senato Schifani. La decisione arriva in seguito alle proteste delle opposizioni che contestavano la creazione di un authority anticorruzione presieduta dal presidente del consiglio e non da una autorità terza come previsto dall’articolo 1 originale.

Altra notizia di giornata la comunicazione del ministro per i Rapporti con il Parlamento, Elio Vito, della disponibilità di Silvio Berlusconi a venire alla Camera il 22 giugno per assistere al dibattito sulla verifica parlamentare  chiesta dal presidente della Repubblica Giorgio Napolitano.