02/09/2014
17/06/2011

Trama su trama

Scandali al sole e scandali all’ombra. Le cronache si ripetono e spesso si ripetono anche i nomi. Se dormiano ci rubano anche i sogni. Fortuna che prima o poi c’è il risveglio

Son passati trent’anni dalla scoperta della Loggia P2 che per un decennio ha infiltrato i suoi uomini in tutti i gangli dello stato.
Poi mentre i piani di Licio Gelli in qualche modo andavano avanti parte di quei nomi si è ritrovata nella P3 e ancora dopo, siamo ai giorni nostri, nella P4.
Nomi vecchi e nomi nuovi, burattinai e burattini, tramatori e inciucisti insieme ad intrallazzatori e affaristi. Pezzi di istituzioni ovunque presenti alle prese con istituzioni spesso assenti. Poi, quasi sempre partendo da altro, qualche procuratore curioso scopre liste ed elenchi che con il circolo del tennis hanno poco a che fare. Vorticosi giri di denaro, scambi di favori, affari milionari, presenza costante di gaudenti circondati da un codazzo impressionante di favoriti, favorite, favoritismi. Rispettabili Eccellenze che spenti i riflettori della tv sguazzano contenti in un universo parallelo che usa quello reale per soddisfare ogni genere di voglie.
La capacità di indignarsi a volte viene meno vista la ripetitività delle storie eppure il fatto che prima o poi siffatte porcherie saltino fuori dovrebbe  essere un buon antidoto all’assuefazione che porta rassegnazione.
Sarà una risata che vi seppellirà , si diceva una volta, e anche se non ci si  trova nulla da ridere non demoralizziamoci  e continuiamo a credere che il futuro sarà luminoso.


>> guarda la vignetta

 

 

L’angolo acuto
© Riproduzione riservata ( 17 Giugno 2011 )