26/07/2014
18/11/2011

Birmania
Prove di
democrazia

La Lnd di Aung San Suu Kyi dopo essere stata disciolta un anno fa, correrà per le prossime elezioni suppletive. Una svolta che segue le recenti aperture del governo birmano

La decisione è stata presa al termine di una lunga riunione del comitato esecutivo della Lega Nazionale per la Democrazia. Il partito di Aung San Suu Kyi, parteciperà alle prossime elezioni birmane.

Torna dunque sulla scena politica la formazione guidata dal premio Nobel per la Pace, che nel 2010 aveva boicottato le elezioni generali come segno di protesta nei confronti della giunta militare che aveva impedito la candidatura di San Suu Kyi.

La Lnd, dopo essere stata disciolta un anno fa, correrà dunque per le prossime elezioni suppletive che serviranno ad assegnare 48 seggi parlamentari rimasti vacanti. Una svolta che segue le recenti aperture del governo birmano che ha rilasciato 200 dissidenti dalle carceri e promette nuove riforme.

“Passi importanti" per il presidente americano Barack Obama, che dall'Indonesia ha parlato di una storica opportunità per il progresso delle relazioni tra Stati Uniti e Birmania. “Il prossimo mese Hillary Clinton - ha annunciato Obama - si recherà nel paese asiatico”. Una visita storica. La prima per un segretario di Stato americano in 50 anni.

“C'é ancora molto da fare - ha comunque sottolineato l'inquilino della Casa Bianca che ha anche parlato al telefono con Aung San Suu Kyi - L'america è pronta a sostenere le riforme”.

Clicky